L’abuso dei farmaci

pillole
L'impiego di farmaci e droghe a scopo terapeutico per lenire il  dolore e le sofferenze o per aumentare la resistenza alla fatica si perde nella notte dei tempi. Basti pensare che l'uomo primitivo già durante l'era della pietra faceva uso di oppio, come documentato dal reperto in caverne di capsule di papavero dalle quali si ottiene l'oppio e i suoi derivati come la morfina. Si può dire che oggigiorno viviamo in una società cosiddetta «farmacologicamente orientata», in cui per varie ragioni cioè si fa un uso veramente esagerato (abuso) di farmaci. Esistono, infatti, migliaia e migliaia di farmaci di origine naturale (animale, vegetale, minerale), o ottenuti per sintesi, semisintesi o anche più recentemente con tecniche di biotecnologia. È indubbio che i farmaci fanno parte dei fattori che hanno contribuito in maniera determinante all'allungamento della vita media dell'uomo come pure al controllo di numerose malattie e in generale al miglioramento della qualità della vita. Tuttavia, i farmaci, per essere utili all'uomo, devono essere

I cereali minori

miglio

Soppiantati dal frumento, dovrebbero entrare più spesso nella nostra alimentazione, soprattutto per il loro notevole contenuto in sali minerali e vitamine.

Orzo

Questo cereale era diffusamente coltivato, a scopo alimentare, dai popoli antichi, grazie alla notevole adattabilità della pianta a condizioni climatiche ed ambientali poco favorevoli. Sembra che la sua coltura fosse molto diffusa in Egitto, lungo la valle del Nilo, 6000 anni fa.
In seguito, la coltivazione di questo cereale si è ridotta per il prevalere di nuovi cereali a maggior produttività (frumento e mais). Attualmente è poco utilizzato nell'alimentazione umana dato che

Tempi di digestione

pasto 
Quanto tempo ci vuole per digerire ? Questa tabella riassume la durata media di permanenza degli alimenti nello stomaco una volta ingeriti.

Il mais

granturco
Utilizzato soprattutto sotto forma di farina, il mais è un alimento particolarmente digeribile e perciò indicato per bambini e persone anziane.

Il mais è una graminacea originaria dell'America centrale, dove ancor oggi rappresenta l'alimento base per alcune popolazioni; fu introdotto in Europa alla fine del 1400, dopo la scoperta del nuovo continente, e si diffuse in Italia verso la fine del 1500. Oggi è ampiamente coltivato negli Stati Uniti d'America, che ne sono i maggiori produttori mondiali con oltre 100 milioni di tonnellate all'anno, in Cina, Brasile, Romania, Jugoslavia e, in misura minore, nel nostro paese. La produzione, quattro milioni di tonnellate all'anno, è prevalentemente localizzata nelle regioni settentrionali, in particolare in Lombardia, dove si registra anche la maggior produttività (50-60 quintali per ettaro).
Il mais è largamente utilizzato per l'alimentazione umana soprattutto nei paesi a minor reddito; nei paesi ricchi viene principalmente impiegato come mangime nel settore zootecnico. L'importanza economica del mais si basa dunque sulla sua duplice destinazione, alimentazione umana ed animale. Nonostante ciò, il mercato mondiale del mais è unico; questo implica che

Psicologia e obesità

disturbi alimentari
Spesso l'eccessiva alimentazione che porta all'obesità è solo un mezzo per compensare la mancanza di affetto con un altro elemento fondamentale per la vita: il cibo.

Obesità psicologica nel bambino - Gli stretti rapporti esistenti fra psicologia e obesità sono stati messi in luce soprattutto dalle ricerche psicoanalitiche. È stato infatti Sigmund Freud a rivelare per primo la stretta connessione esistente fra bocca e apparato gastrointestinale, in genere, e tipo di affettività e personalità. L'importanza delle sensazioni tattili-gustative legate all'allattamento, condizionano, in un certo senso, tutto il nostro futuro modo di avvicinarci al cibo. Un rapporto positivo fra la madre e il bambino durante l'allattamento, con la possibilità per il lattante di nutrirsi in un'atmosfera completamente rilassata e serena, associata alla possibilità di